Diritto Russo Home > Indice leggi federali tradotte > LF n.4-1999
FEDERAZIONE RUSSA

LEGGE FEDERALE

COORDINAMENTO DEI RAPPORTI INTERNAZIONALI E DI COMMERCIO ESTERO DEI SOGGETTI DELLA FEDERAZIONE RUSSA

Approvata dalla Duma di Stato il 2 dicembre 1998


La presente legge federale, in conformita' all'articolo 72 della Costituzione della Federazione Russa, stabilisce le regole generali per il coordinamento dei rapporti internazionali e di commercio estero dei soggetti della Federazione Russa, prevede le garanzie giuridiche per assicurare i diritti e i legittimi interessi dei soggetti della Federazione Russa nella costituzione e nello sviluppo dei rapporti internazionali e di commercio estero.


Articolo 1. Diritto dei soggetti della Federazione Russa alla gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

1. I soggetti della Federazione Russa, nei limiti delle funzioni ad essi attribuite dalla Costituzione della Federazione Russa, dalla legislazione federale e dai trattati fra gli organi del potere statale della Federazione Russa e gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa sulla delimitazione delle materie di competenza e delle funzioni, hanno il diritto di gestire rapporti internazionali e di commercio estero con i soggetti degli Stati federali stranieri, con gli enti amministrativi e territoriali degli Stati stranieri, nonche' il diritto di partecipare all'attivita' delle organizzazioni internazionali nell'ambito degli organi costituiti appositamente per questo fine.
I soggetti della Federazione Russa, in accordo con il Governo della Federazione Russa, possono gestire tali rapporti anche con gli organi del potere statale degli Stati stranieri.

2. Ai fini della presente legge federale, per rapporti internazionali e di commercio estero dei soggetti della Federazione Russa si intendono i rapporti con soggetti stranieri gestibili nei settori economico-commerciale, scientifico-tecnico, ecologico, umanitario, culturale e negli altri settori indicati nel punto 1 del presente articolo.


Articolo 2. Diritto degli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa alla conduzione di trattative e alla conclusione di accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

1. Gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, nei limiti delle funzioni ad essi attribuite dalla Costituzione della Federazione Russa, dalla legislazione federale e dalla legislazione dei soggetti della Federazione Russa, hanno il diritto di condurre trattative con i soggetti stranieri, indicati nel punto 1 dell'articolo 1 della presente legge federale, e il diritto di stipulare con essi accordi per la gestione dei rapporti internazionali e di commercio estero.

2. Gli accordi per la gestione dei rapporti internazionali e di commercio estero stipulati dagli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, non possono contenere disposizioni in contrasto con la Costituzione della Federazione Russa, con i principi universalmente riconosciuti e con le norme del diritto internazionale, con i trattati internazionali della Federazione Russa, con la legislazione federale, con i trattati fra gli organi del potere statale della Federazione Russa e gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa sulla delimitazione delle materie di competenza e delle funzioni, nonche' con i legittimi interessi degli altri soggetti della Federazione Russa.


Articolo 3. Stipulazione, da parte degli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, di accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

1. Gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa informano anticipatamente i competenti organi federali del potere esecutivo sull'inizio delle trattative per la stipulazione di accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero.

2. Gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa definiscono le procedure per la stipulazione degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero tenendo conto della necessita' di coordinamento nei progetti di tali accordi.


Articolo 4. Coordinamento nei progetti di accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

1. Il progetto di un accordo per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, che deve essere stipulato dagli organi del potere statale di un soggetto della Federazione Russa, almeno un mese prima della sua sottoscrizione deve essere presentato, per l'approvazione, al Ministero degli esteri della Federazione Russa e, se necessario, anche agli altri organi federali del potere esecutivo.

2. Il Ministero degli esteri della Federazione Russa e gli altri organi federali del potere esecutivo informano gli organi del potere statale del soggetto della Federazione Russa sui risultati dell'esame del progetto di accordo sulla gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, di regola, entro 20 giorni dalla ricezione del progetto del suddetto accordo.

3. Nel caso in cui sorgano divergenze fra gli organi federali del potere esecutivo e gli organi del potere statale del soggetto della Federazione Russa, relative al progetto di accordo per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, si adottano le procedure di coordinamento previste dalla legislazione della Federazione Russa.


Articolo 5. Registrazione degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

La registrazione degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, stipulati dagli organi statali di un soggetto della Federazione Russa, viene effettuata con le modalita' previste dal Governo della Federazione Russa.


Articolo 6. Pubblicazione degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

1. I testi degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, stipulati dagli organi statali di un soggetto della Federazione Russa, sono soggetti a pubblicazione.

2. Le modalita' per la pubblicazione degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero vengono determinate dalle leggi e dagli altri atti normativi dei soggetti della Federazione Russa.


Articolo 7. Status degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

Gli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, stipulati dagli organi del potere statale di un soggetto della Federazione Russa, indipendentemente dalla forma, dalla denominazione e dal contenuto, non sono considerati trattati internazionali.


Articolo 8. Responsabilita' degli organi federali del potere statale in materia di accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero

Gli organi federali del potere statale non sono responsabili per gli accordi sulla gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, stipulati dagli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, ad eccezione dei casi in cui tali accordi siano stati stipulati con gli organi del potere statale di Stati stranieri con il consenso del Governo della Federazione Russa oppure, in base ad un determinato accordo di un soggetto della Federazione Russa, vi siano garanzie ufficiali del Governo della Federazione Russa.


Articolo 9. Cooperazione fra gli organi federali del potere statale e gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa nella gestione dei rapporti internazionali e di commercio estero

Gli organi federali del potere statale mettono a disposizione degli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa la necessaria assistenza e consulenza nello sviluppo dei rapporti internazionali e di commercio estero, nell'organizzazione e nella conduzione delle trattative, nell'elaborazione dei testi degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, che devono essere stipulati dagli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, nell'esecuzione dei suddetti accordi, nonche' nella tutela dei diritti e dei legittimi interessi dei soggetti della Federazione Russa negli Stati stranieri.


Articolo 10. Diritto dei soggetti della Federazione Russa ad avere rappresentanze nei territori di Stati stranieri

1. I soggetti della Federazione Russa, al fine di dare esecuzione agli accordi sulla gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, con il consenso del Ministero degli esteri della Federazione Russa, si avvalgono del diritto di aprire rappresentanze all'estero.

2. Gli organi del potere statale di un soggetto della Federazione Russa, con il consenso del Ministero degli esteri della Federazione Russa, possono autorizzare l'apertura sul proprio territorio di rappresentanze dei soggetti degli Stati federali stranieri e degli enti amministrativi e territoriali degli Stati stranieri.

3. L'apertura di rappresentanze dei soggetti della Federazione Russa nel territorio di Stati stranieri e l'apertura di rappresentanze straniere nel territorio di un soggetto della Federazione Russa vengono effettuate in base a un accordo fra l'organo competente del potere statale del soggetto della Federazione Russa e l'organo competente del soggetto dello Stato federale straniero o l'organo competente dell'ente amministrativo territoriale dello Stato straniero.

4. Le rappresentanze dei soggetti della Federazione Russa nei territori degli Stati stranieri e le rappresentanze straniere, di cui al punto 2 del presente articolo, nel territorio della Federazione Russa non hanno lo status di rappresentanze diplomatiche e ad esse non possono essere attribuite funzioni consolari o diplomatiche. I dipendenti di tali rappresentanze non godono dei privilegi e delle immunita' diplomatiche.

5. Le rappresentanze dei soggetti della Federazione Russa all'estero sono dirette da cittadini della Federazione Russa.


Articolo 11. Organi statali del potere statale che esercitano il coordinamento in materia di rapporti internazionali e di commercio estero dei soggetti della Federazione Russa

1. Il coordinamento in materia di rapporti internazionali e di commercio estero dei soggetti della Federazione Russa viene attribuito agli organi federali del potere esecutivo con le modalita' previste dal Presidente della Federazione Russa su proposta del Governo della Federazione Russa.

2. I competenti organi federali del potere esecutivo possono richiedere agli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa notizie sulle misure adottate dai soggetti della Federazione Russa nella gestione dei rapporti internazionali e di commercio estero e possono trasmettere agli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa proposte e raccomandazioni.


Articolo 12. Risoluzione delle controversie riguardanti la gestione dei rapporti internazionali e di commercio estero

1. Nel caso in cui sorgano divergenze fra gli organi del potere statale della Federazione Russa e gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, e anche fra gli organi del potere statale di diversi soggetti della Federazione Russa, in materia di accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero stipulati dagli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa, si adottano le procedure di coordinamento previste dalla Costituzione della Federazione Russa e dalla legislazione della Federazione Russa.

2. Nel caso in cui l'accordo per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, stipulato da un organo del potere statale di un soggetto della Federazione Russa, sia in contrasto con la Costituzione della Federazione Russa, con i principi universalmente riconosciuti, con le norme di diritto internazionale e con i trattati internazionali della Federazione Russa, e sia lesivo dei legittimi interessi di un soggetto della Federazione Russa oppure violi le regole previste dalla presente legge federale, detto accordo puo' essere impugnato in sede giudiziaria.

3. L'efficacia degli accordi per la gestione di rapporti internazionali e di commercio estero, stipulati dagli organi del potere esecutivo dei soggetti della Federazione Russa, contenenti disposizioni in contrasto con la Costituzione della Federazione Russa, con le leggi federali, con i principi universalmente riconosciuti, con le norme del diritto internazionale e con i trattati internazionali della Federazione Russa, puo' essere sospesa, in conformita' all'articolo 85 (parte 2) della Costituzione della Federazione Russa, fino alla relativa decisione del tribunale competente.


Articolo 13. Entrata in vigore della presente legge federale

La presente legge federale entra in vigore dal giorno della sua pubblicazione ufficiale.


Articolo 14. Adeguamento di atti giuridico-normativi alla presente legge federale

Il Presidente della Federazione Russa, il Governo della Federazione Russa e gli organi del potere statale dei soggetti della Federazione Russa adeguano i propri atti giuridico-normativi alla presente legge federale.


Il Presidente della Federazione Russa B.El'tsin

Mosca, Cremlino
4 gennaio 1999
N.4-LF


Indice leggi federali tradotte


Elenco leggi federali


Home - Mappa

www.dirittorusso.it a cura di Corrado Damiano